Idrokinesiterapia

Si tratta di una terapia che sfrutta l’elemento acqua (idro) per riabilitare attraverso i movimenti (kinesi) relativi alle tecniche di trattamento.
L’idrokinesiterapia è l’utilizzo dell’acqua a scopo riabilitativo, dopo un trauma, un intervento chirurgico o come prevenzione.
Questa disciplina ha in sé una grande valenza riabilitativa, sia nel campo strettamente fisioterapico che in quello sociale e ricreativo; l’acqua rappresenta infatti un mezzo ideale se si considera la parziale assenza di gravità, che consente di favorire una persona diversamente abile nei movimenti e negli esercizi terapeutici che sarebbero impossibili, o comunque difficili, da eseguire fuori dall’acqua.
L’Idrokinesiterapia coinvolge la sfera motoria, intellettiva, sensoriale, psicologica, portando il paziente a vivere l’esperienza riabilitativa in acqua come fonte di benessere e di piacere.
Importantissimo è anche l’aspetto di preparazione ad un intervento (ad es. protesi di anca e ginocchio, legamento crociato anteriore, artroscopia di spalla, ecc.), anche se purtroppo in Italia da questo punto di vista siamo ancora un pò “in ritardo” culturale…nel senso che tutti i pazienti dovrebbero poter accedere a questi servizi e non solo “pochi fortunati” ai quali è stato prescritto.
L’acqua, se utilizzata nel modo corretto e con le caratteristiche strutturali adeguate, rappresenta un ambiente ideale in cui recuperare il movimento, anche per le persone che non hanno mai nuotato e che non sono mai andate in una piscina.

I benefici che l’acqua comporta sono molti, tra questi ricordiamo:

• scarico totale o parziale delle articolazioni (minor stress andoarticolare)
• effetto miorilassante
• miglior controllo del dolore
• deambulazione facilitata
• riduzione dell’edema
• mobilizzazione passiva facilitata
• maggior movimento con minor sforzo
• miglior reclutamento muscolare
• interessamento non solo del distretto interessato ma coinvolgimento muscolare e articolare globale
• benefici psico-fisici e di rilassamento
• riduzione dei tempi di recupero in un percorso riabilitativo
Gli ambiti in cui l’idrokinesiterapia trova indicazione elettiva sono molteplici:

Ortopedico

  • Artroprotesi d’anca e di ginocchio· Ernie discali, spondilodiscoartrosi
  • Lesioni dei legamenti del ginocchio e dei menischi
  • Lesioni della cuffia dei rotatori
  • Fratture, distorsioni
  • Artrosi polidistrettuale
  • Lesioni muscolari e tendinee

Reumatologico

  • Gonartrosi (artrosi del ginocchio)
  • Coxartrosi (artrosi dell’anca)
  • Malattie reumatiche
  • Fibromialgie
  • Spondiloartriti

Neurologico

  • Emiplegia
  • Trauma cranico
  • Patologie cerebellari
  • Emiparesi
  • Distonie
  • Tetraparesi spastica
  • Disturbi di coordinazione motoria nell’età evolutiva, esiti di paralisi cerebrale infantile (PCI);
  • Sclerosi multipla
  • Para-tetraplegia
  • Spina bifida
  • Poliomelite
  • Distrofia muscolare
  • Sclerosi multipla
  • Paralisi del plesso brachiale
  • Paralisi ostetriche

Non tutte le piscine sono adatte ad eseguire idrokinesiterapia
Le Piscine Riabilitative di Idrokinetik, nello specifico, sono Strutture Sanitarie, con profondità variabile poiché ci devono essere diverse zone attigue con altezze differenti, al fine di adattarsi alle diverse altezze dei pazienti e per eseguire esercizi in scarico completo.
La temperatura dell’acqua (che in una piscina normale è di circa 28°- 29°C) raggiunge nelle nostre vasche riabilitative i 32°-34° C.
Tale temperatura è ideale per muoversi e fare esercizi senza sentire sgradevoli sensazioni di freddo che irrigidirebbero la muscolatura e le articolazioni.
Inoltre la vasche riabilitative Idrokinetik prevedono la presenza di tutto il pavimento antiscivolo, della “Doccia cervicale”, dell’”Idromassaggio”, della scala antiscivolo a norma sanitaria per l’ingresso dei pazienti, e del sollevatore elettrico ad immersione per l’ingresso delle persone con importanti problemi motori e/o diversamente abili.
Si segnala inoltre, in quanto “Presidi Sanitari”, il controllo costante delle condizioni igieniche dell’acqua con il filtraggio completo della vasca e con periodiche e controllate analisi chimico-batteriche dell’acqua.
Nei Centri Idrokinetik tutte le sedute riabilitative si svolgono con la presenza in acqua di un Terapista della Riabilitazione specializzato nell’ambito di specifici protocolli riabilitativi e personalizzati, e sono rivolte ad un massimo di 7 pazienti. E’ prevista anche la possibilità, in casi particolari, di prenotare sedute con trattamento in rapporto 1:1.
I pazienti possono accedere alla piscina riabilitativa Idrokinetik in modo diretto e prioritario, con costi e pacchetti dedicati, prenotando telefonicamente un appuntamento con il Responsabile Medico della struttura per la visita preliminare di accettazione.

Dettagli

Ti piace ?0